Contatti aziendali

Ci occupiamo di certificazione energetica nella provincia di Milano e nella provincia di Monza e Brianza.

Certificazione Energetica
corso di Porta Nuova, 15
20121 Milano
Tel. 340.6188081certificazione energetica

Per un preventivo di spesa compilare il modulo di contatto


Certificazione energetica affitto: obbligatoria per tutti da luglio 2010


La certificazione energetica affitto è uno strumento di valutazione del consumo energetico di un edificio al fine di individuare il rendimento energetico dell’immobile e quindi i possibili interventi da effettuare per limitare i consumi ed evitare gli sprechi.

L’obbiettivo della certificazione energetica affitto non è solo quello di consapevolizzare l’utente a un minor spreco ma anche di fungere da ulteriore strumento per la trasparenza del mercato immobiliare così che il futuro acquirente possa conoscere il reale valore di consumo dell’immobile che intende acquistare.

Il consumo di un edificio dipende da diversi fattori, per citarne alcuni: l’ampiezza degli infissi, la presenza o meno di un isolamento termico, il tipo di muratura, il tempo di esposizione al sole dell’immobile, il tipo di caldaio e il grado di illuminazione.

La certificazione energetica affitto deve essere eseguita da un professionista qualificato iscritto all’albo dei certificatori energetici. Possono eseguire la certificazione energetica affitto coloro i quali sono in possesso dei seguenti requisiti:

  • frequentazione di uno specifico corso presso l’organismo di competenza e superamento del relativo esame di abilitazione;
  • specifico titolo di studio (perito industriale o agrario, laurea in architettura o in ingegneria, diploma in geometra, laurea specialistica in chimica, in scienze e tecnologie forestali e ambientali o agrarie);
  • abilitazione all’esercizio della professione;
  • iscrizione al Collegio o all’Ordine professionale di pertinenza.

La certificazione energetica affitto è un obbligo del locatore e prevede il rilascio di uno specifico documento il quale deve essere allegato al contratto di affitto o locazione finanziaria, sia che riguardi una o più unità immobiliare. La certificazione energetica affitto è obbligatoria per esempio anche qualora lo stabile venga affittato nella sua interezza. Tale documento ha una validità di 10 anni a meno che nel frattempo non siano state apportate modifiche relative alle prestazioni termiche dell’immobile oggetto di certificazione energetica affitto.

Per effettuare una certificazione energetica affitto è necessario che il professionista effettui uno o più sopraluoghi dell’immobile stesso. A tal proposito è necessario fornire al professionista nel momento in cui effettua tali sopraluoghi alcuni importanti documenti fra i quali: il libretto della caldaia, il verbale della prova dei fumi e la scheda catastale dell’immobile. Nel caso in cui l’immobile oggetto di affitto sia servito da una centrale termica centralizzata sarà necessario richiedere all’impresa che gestisce e controlla l’impianto termico ove ha sede l’immobile oggetto del futuro affitto, un documento denominato “allegato F” (Rapporto di controllo tecnico per impianto termico di potenza maggiore o uguale a 35 kW) che deve essere compilato dall’operatore incaricato e consegnato in copia al responsabile dell’impianto. Di norma per ottenere questo documento basta una telefonata all’amministratore di condominio in cui ha sede l’appartamento oggetto del futuro affitto.

Al termine dei sopralluoghi il professionista, dopo aver analizzato i dati raccolti ed effettuato una serie di calcoli, emette un documento di certificazione energetica affitto che deve essere protocollato nel Comune nel quale ha sede l’immobile oggetto di certificazione.

I tempi per la redazione del documento di certificazione energetica affitto variano a seconda delle dimensioni dell’immobile. Si va da un minimo di una settimana ad un massimo non quantificabile in quanto per alcune tipologie immobiliari come capannoni industriali o commerciali è richiesto un impegno temporale più lungo.

L’affitto è un contratto con il quale una parte detta locatore (cioè il proprietario) si obbliga a far godere all’altra parte detta locatario, un mobile o un immobili (o un’universalità di mobili) produttivo, per un periodo di tempo determinato, in cambio di un corrispettivo in denaro.

Il contratto di affitto ha effetti obbligatori in quanto dall’affitto non deriva l’acquisizione in capo al locatario di alcun diritto reale sul bene, bensì il diritto di godere e di bene un tempo determinato.